Viaggio

Rovine di Pompei. Catastrofe sotto il vulcano Vesuvio

Pin
Send
Share
Send
Send


Chi non ha mai sentito la storia di Rovine di Pompei e la sua triste fine dopo l'eruzione del vulcano Vesuvio. Centinaia di libri e film narrano gli ultimi giorni di questa metropoli romana, la cui catastrofe non ha ancora calmato le voglie dell'essere umano di costruire sulle gonne del gigante italiano. Napoli È uno di quegli esempi e i suoi abitanti non sembrano ignorare il possibile pericolo.


Vulcano Vesuvio

Rovine di Pompei. Catastrofe sotto il vulcano Vesuvio

La storia che può essere ripetuta

Era l'anno 79 della nostra era, quando il vulcano più violento in Europa scoppiò a distruggere Pompei e il resto delle città intorno a lui. Posizioni simili Herculano, Oplontis e Stabia, presto scomparvero sotto una spessa coltre di cenere, anche se la maggior parte dei loro abitanti morì di gas tossici o direttamente da una delle pietre lanciate dal Vesuvio.

Questa catastrofe ha avuto solo una cosa positiva ed è che grazie alla cenere depositata sulle città, queste saranno conservate in modo non inquinato fino ad oggi. Da questo forse l'immagine che viene subito in mente è quella dei corpi umani in perfette condizioni, anche se questo non è proprio vero. Questi corpi sono davvero in gesso e sono stati creati depositando questo materiale sui fori lasciati dai corpi sotto la cenere.


Pompei

Vedi in Google Maps

Oggi, oltre 1 milione di persone vivono sotto le pendici del vulcano, a volte costruendo negli stessi campi di lava. Il Vesuvio è un vulcano attivo e la sua ultima eruzione risale agli anni '40, per intero seconda guerra mondiale. Fu qui che affermò di essere forse le sue ultime vittime, poiché uno squadrone aereo dell'esercito americano cadde a causa delle ceneri.

Rovine di Pompei

La prima cosa che mi ha colpito dopo essere arrivato Rovine di Pompei Era delle sue dimensioni. Sono davvero grandi ed è difficile vederli solo 1 giorno. Tutto dipende dalla tua brama di storia e dalle gambe che uno ha.

Al suo meglio, questa antica città romana contava circa 15.000 abitanti, essendo un importante porto marittimo con cui commerciareRoma. Attualmente è considerato il complesso monumentale più visitato in Italia. Questo dice molto sull'importanza del luogo ed è certamente un luogo magico.


Rovine di Pompei

la Napoli generalmente arrivano diverse crociere ogni giorno con migliaia di turisti a bordo. Questi sono facoltativamente offerti una visita a Pompei o a Vesuvio, poiché attraccano per un tempo limitato. Come previsto, la maggior parte sceglie Pompei, ma così rapidamente che difficilmente dà loro il tempo di vederlo.


Mappa di Pompei

Cosa significa tutto questo ... beh, il momento migliore per visitarlo è dopo pranzo, proprio quando questi voraci turisti tornano sulla loro comoda barca. Se non abbiamo più tempo c'è un trucco per evitarli ed è iniziare la visita inserendo il Porta di Stabia (Porta Stabia).

Visita le rovine di Pompei in un giorno

Pompei costa circa 13€ E il biglietto è valido solo per un giorno. C'è un'alternativa chiamata Passo di Pompei (Pompei Pass) che dura 72 ore e consente la visita di altri monumenti, ma solo una volta, compresa Pompei, quindi se vuoi entrare due volte devi pagare di nuovo. Il Passo di Pompei costa circa 22€ e include:

  • Museo Archeologico Nazionale
  • Flavian (Anfiteatro)
  • Cuma, Grotta della Sibilla
  • Pompei
  • Oplontis, Villa Poppea
  • Boscoreale
  • Flegrea. Museo archeologico
  • Tempio di Serapide / Macellum
  • Rione Terra, Pozzuoli (Controlla se è chiuso)
  • Ercolano (Ercolano)
  • Stabiae
  • Parco Archeologico Baia

Abbiamo deciso di entrare Porta di Stabia, principalmente perché eravamo a Pompei, ma alla lunga è stato bello iniziare qui per evitare la folla la mattina. Una volta dentro, la prima cosa che vediamo è il colossale anfiteatro con una capacità di 20.000 persone e da un lato il necropoli, con molte tombe e panthon su entrambi i lati.


Anfiteatro di Pompei

Da qui andiamo a nord perché non c'era altro modo di continuare e abbiamo iniziato a perdersi nelle strade acciottolate della città. Raggiungiamo la fine della strada, dove si interseca con il Via dell'Abbondanza, una delle strade principali con numerose case che potremmo visitare.


Necropoli di Pompei

Anche così abbiamo visto molti chiusi, principalmente a causa della negligenza nella sua conservazione. Negli ultimi anni, molti muri sono crollati e la voce ha iniziato a diffondersi sul budget limitato assegnato a Pompei, Una vergogna.


Rovine di Pompei

Da qui e con la mappa in mano, andiamo all'incrocio con il Via Stabiana, passando attraverso una serie di case davvero interessanti come la Casa del Citarista o quello di Menandro, tutti a metà strada. Ce ne sono così tanti che a volte ne salti alcuni, principalmente perché sono simili o alcuni mancano di dipinti o mosaici.

Dopo essere arrivati ​​al grande teatro, abbiamo fatto la nostra prima fermata per controllare la mappa della città e pianificare quale sarebbe stata la prossima fermata. La cosa divertente è che qui vicino c'erano molte cose da vedere, come un altro teatro, questa volta più piccolo e una piazza circondata da un portico con colonne molto belle.


Teatro di Pompei

Qui ci siamo resi conto che avevamo saltato il file Sorgenti termali di Stabiane, dovendo andare su per la strada che avevamo precedentemente sceso.


Sorgenti termali di Stabiane

Erano passate due ore dal nostro ingresso ed era quasi ora di pranzo. Dato che a quest'ora i turisti in crociera tornano all'hotel galleggiante, prendiamo il Via dell'Abbondanza fino al foro, il centro nevralgico delle rovine di Pompei.


Area del forum di Pompei

All'arrivo, ciò che ci colpisce di più è la vista sul Vesuvio, davvero impressionante. Da qui l'eruzione doveva essere vista terrificante. A parte questo, gli edifici che circondano il Forum sono davvero spettacolari e molti di loro sono in condizioni impeccabili come il Basilica di Pompei, luogo in cui è stata applicata la legge. Dietro c'è il tempio di Apollo, la nostra foto di copertina.


Basilica di Pompei

Attraversiamo l'intero forum, sempre con l'immagine del Vesuvio sullo sfondo. Ai suoi lati numerosi corpi umani sono conservati in gesso, creato da un archeologo italiano e che lo hanno reso noto in tutto il mondo.


Corpi in gesso - Pompei

Da qui andiamo al ristorante situato accanto al Forum Hot Springs. I prezzi non sono molto offensivi ma non economici, anche se una porzione di pizza ti puoi sempre permettere. Per coincidenza il posto era vuoto, strano perché dentro Pompei c'è solo un ristorante.


Area del forum di Pompei

Dopo pranzo continuiamo la nostra visita fino alle Casa del Fauno sulla Via de la Fortuna. Questo luogo è uno dei più interessanti che abbiamo visto e nasconde uno dei gioielli più riconosciuti delle rovine di Pompei, la figura del fauno e il Alejandro Mosaic. Entrambi i pezzi non sono originali e sono esposti nel Museo archeologico di Napoli.


Casa del Fauno - Pompei

Il mosaico è un vero gioiello e l'immagine di Alessandro Magno sul dorso del suo cavallo ha fatto il giro del mondo.


Alexander Mosaic - Pompei

Da qui abbiamo iniziato a camminare fino a raggiungere il Casa della Fontana Piccola e il Casa di Pansa. Uno dei primi posti che i visitatori si fermano ad osservare se entrano attraverso il Porta Ercolano.


Strade di Pompei

Dopo essere arrivato alla porta di Ercolano, mi è venuto in mente il consiglio di un amico. Da non perdere il bordello di Pompei e gli affreschi sulle sue pareti. Ho preso la mappa e ho visto che era abbastanza lontano dalla nostra posizione, quindi siamo andati prima al Villa di Diomede oltre la porta e poi ci siamo voltati per andare a Lupanare o bordello.


Lupanare o bordello di Pompei

Una volta nella casa degli appuntamenti abbiamo osservato diverse posizioni sessuali sulle loro pareti e che il Kamasutra In questi posti. Queste immagini sono state utilizzate come catalogo dai proprietari per raccomandare posizioni diverse ai propri clienti o sceglierle direttamente in base all'immagine. Un dettaglio!

Questo conclude la nostra visita alle rovine di Pompei. 1 giorno intero che molti falliranno, soprattutto se assumono una guida, un'opzione consigliata se si desidera vedere i dettagli nascosti della città.

 

Maggiori informazioni sul paese transalpino nella nostra sezione d'Italia

Informazioni pratiche - Suggerimenti per visitare le rovine di Pompei

Quando andare

Italia È uno dei paesi con il maggior afflusso di turisti, quindi l'ideale è cercare di non visitarlo durante l'alta stagione (luglio e agosto) e Pasqua. Lo abbiamo visitato nel mese di gennaio, che nonostante fosse un mese piovoso, ci ha reso il tempo molto buono.

Ore di visita a Pompei

Il programma da aprile a ottobre è dalle 9:00 alle 18:00, chiudendo il resto dei mesi alle 19:30, chiudendo alle 15:30 il resto dell'anno. Idealmente, visitalo nel pomeriggio o entra nella Porta di Stabia che si trova nella Piazza dell'Anfiteatro.

Come andare alle rovine di Pompei?

È molto vicino alla città di Napoli, pochi chilometri a sud, prendendo l'autostrada verso Pompei. È anche possibile arrivare treno attraverso le linee Napoli-Sorrento, Napoli-Poggiomarino, Torre Napoli-Annunziata scendere alla stazione di Pompei.


Dove dormire

Siamo stati a Pompei, in cerca di un posto tranquillo vicino alle rovine. Il posto si chiama B&B Eco Pompei. (Via Sacra 29, Pompei) e lo consiglio davvero. Parcheggio gratuito, Internet, colazione inclusa e camere moderne come nei migliori hotel al prezzo di Bed & Breakfast.

Quanto costa visitare le rovine di Pompei? Prezzi 2015

L'ingresso costa 13€. I costi combinati 22€ con diritto di accesso a diversi luoghi: Pompei, Ercolano, Boscoreale, Oplontis e Stabiae tra gli altri, con validità di 3 giorni.

Noleggia un'escursione a Napoli e Pompei

Raccomandazioni

Occhio con l'estate

In estate fa molto caldo ea mezzogiorno è molto difficile trovare un'ombra. È anche essenziale viaggiare con scarpe comode, senza infradito o tacchi.

Sicuro per quello che potrebbe accaderti

Viaggiare non ti esonera dall'avere problemi, ma se decidi di annullare il viaggio all'ultimo minuto ti consigliamo di stipulare un'assicurazione annullamento. Non sai mai cosa può succedere all'ultimo minuto.

Luoghi consigliati in giro

  • Amalfi Lacosta.
  • Le incredibili rovine di Paestum a solo 1 ora.
  • Ercolano Lasruinas
  • Vulcano Vesuvio

Assicurazione di viaggio

Per un viaggio come questo è meglio stipulare un'assicurazione. IATI ci offre a offrire ai follower Viaggia gratis. Viaggiare non ti esonera dall'avere un incidente, dal bisogno di un medico, di un trasferimento o di cure mediche. Non giocarci, controlla l'assicurazione di viaggio facendo clic sul banner e avrai a 5% nella tua assicurazione per essere un lettore di Travel gratuitamente. Se vuoi maggiori informazioni clicca qui.

Video: Vesuvio, la grande eruzione del del 79 d C - Video grafica 3D (Giugno 2020).

Pin
Send
Share
Send
Send