Viaggio

Sierra de Cazorla. Dal Puntal del Aguila al fiume Borosa

Pin
Send
Share
Send
Send


Sierra de Cazorla. Dal Puntal del Aguila al fiume Borosa. all'interno del Parco naturale delle Sierras de Cazorla, Segura e Las Villas nella provincia di Jaén, In Andalusia, c'è un percorso lungo ed impegnativo ma con un luogo pieno di scogliere vertiginose, fiumi di acqua cristallina e cascate meravigliose. Inoltre, è uno dei sentieri escursionistici più facili da imbattersi in animali come il cinghiale o il cervo, così caratteristico della Sierra de Cazorla.


Eagle Strut

Dal Puntal del Aguila al fiume Borosa

La Sierra de Cazorla si estende ad est e nord-est di Jaén e copre un'area di 214.000 ettari. In questa catena montuosa uccelli come il grifone, l'aquila reale e il falco pescatore o mammiferi come capre di montagnadaino daino muflone o cinghiali. Nell'aspetto della flora, il pino si distingue, poiché la Sierra de Cazorla concentra il maggiore estensione della foresta da tutta la Spagna, che ospita quattro delle sei specie di pino iberico.


cascata

Lasciando per il momento la breve spiegazione dell'area percorso circolare il Puntal del Aguila è un buon esempio di un percorso in cui le pendici non sono insormontabili a causa del suo lungo percorso e dove è possibile avere un paesaggio spettacolare combinato con una varietà di fauna senza raggiungere grandi vette, poiché stiamo parlando di livelli inferiori a 1.600 m.


Cervi più belli delle pesetas

Il percorso inizia da a allevamento ittico situato all'uscita del centro di interpretazione del Torre dell'Aceto sulla A-319 tra il fiumeGuadalquivir e il fiume Borosa. Inizia sul lato sinistro del fiume Borosa, poiché sul lato destro, chiaramente più percorso, lo riporteremo indietro per vedere il corso del fiume con le sue cascate.

È vero che il percorso del fiume Borosa è segnato nelle guide turistiche per il suo percorso facile e soprattutto per il ponte di legno che hanno creato per poter camminare lungo il fiume, ma questo percorso di circa 7 km verrà descritto più avanti che occuperà l'ultima sezione del nostro viaggio.


Case abbandonate
Javier Blanquer

I primi metri del percorso sono lungo una strada che lasceremo dopo 500 metri dall'uscita per prendere un sentiero stretto in modo da non vedere quasi alcuna impronta. Attraverso una lunga pineta, saliremo gradualmente per raggiungere una zona in cui si trova case abbandonate dalla creazione del parco dove pascolano animali come le capre. Proprio lì abbiamo avuto il nostro primo incontro con la fauna selvatica della zona, da quando abbiamo visto un gruppo di cervi correndo tra i cespugli.

Mentre vai nella pineta, ci sono famiglie di cinghiali con i loro saponi e i primi avvoltoi si nascondono nel cielo. Sono dopo 8 km di viaggio quando raggiungiamo il primo burrone, il Burrone degli Arredraderos, dove inizia la prima importante salita, subito dopo aver saltato un piccolo recinto.


Sierra de Cazorla

A questo punto passano da 1.200m a 1.550m in poco più di 2km, attraversando a passo stretto essere in grado di saltare una grande massa di rocce che si trovano in questo posto.

Da questo momento in poi è una successione di piccole pianure con un'imponente scogliera sempre sulla destra che ci segna dove non dovremmo andare a meno che tu non sia della famiglia dell'avvoltoio o dell'aquila reale. Questa è forse la zona con le migliori vedute del percorso, poiché il corso del fiume Borosa può essere visto dall'alto da una notevole altezza.


muro
Javier Blanquer
Lunga discesa

Dopo aver cerchiato il Eagle Strut attraversate il paese e scendete lungo il pendio sinistro della montagna Serbatoio degli organi, punto d'incontro con l'itinerario turistico del fiume Borosa.


Serbatoio degli organi

Dal serbatoio si tratta di un percorso in discesa dove inizialmente è preso da un assoquia per lasciare il passo poco dopo a un successione di tunnel per facilitare il passaggio su una strada forestale. Dopo la centrale elettrica, attraverso il Ruejo Ravine, ci riesci gli organi, un'interessante formazione rocciosa e diverse cascate che ti fanno venire voglia di fare il bagno, bene se ti nascondi bene e non ti fai vedere tutto è possibile, giusto?


Tunel
Fiume Borosa

Praticamente arrivando a fine del percorso È possibile accedere a un ponte di legno sul fiume lasciando il posto a carrozze, domeniche e ogni tipo di turismo pronto a godersi un posto bello come il fiume Borosa.

Essendo un percorso di un giorno, lungo e un po 'stanco siamo tornati Cazorla per assaporare la sua gastronomia, ma questo è un altro viaggio ed è un'altra storia. Javier Blanquer

Dati pratici

Quando andare

del Autunno a primavera personalmente sono i periodi migliori per visitare la Sierra de Cazorla. Le ragioni sono semplici come il colore del paesaggio ed evitano il calore e la folla incontrollata del turismo. Purtroppo oggi posti come Torrente freddo In estate, così tante persone si concentrano che ci sono percorsi che sembrano la via Preciados di Madrid.

Come arrivare

Si parte da Cazorla dalA-319 direzione Burunchel eTorrente freddo, piccola città con molti ristoranti e hotel. Qui ci sono diversi stabilimenti in cui è possibile noleggiare cabine, aree di campeggio e persino appartamenti.

Cosa indossare

L'inverno è freddo ma l'estate è eccessivamente calda durante il giorno ma di notte si raffredda abbastanza. Non importa il periodo dell'anno ma non lasciare il cappotto a casa.

Dove dormire

A Arroyo freddo ci sono molti posti dove dormire, anche se nella TRACCIA abbiamo segnato eccellenti aree per accamparsi nel mezzo del percorso.

Video: El corazón de la tierra, Cazorla, la Iruela y Vadillo Castril, Jaén (Giugno 2020).

Pin
Send
Share
Send
Send