Viaggio

Corral del Diablo. Un Gredos ancora più sorprendente

Pin
Send
Share
Send
Send


La prima grande nevicata autunnale arriva nel Sierra de Gredos ed è tempo di godersi la tanto desiderata polvere bianca. il Corral del Diablo Sarà la nostra prima destinazione, situata nella parte più occidentale delle montagne e a sua volta una delle meno visitate. Ombreggiato senza giustizia dal circo di Gredos e dei suoi maestosi Almanzor, il suo accesso difficile è forse la cosa migliore che potesse accadere, godendo di una tranquillità senza pari.

Corral del Diablo. Un Gredos ancora più sorprendente

Prima settimana di dicembre e cade la prima neve. Abbiamo scelto l'area di Barca di Avila, principalmente per la sua bellezza e le sue rotte senza massificazione. Nel posto ci sono una serie di picchi come il Covacha, il pelato e il diavolo del recinto, il nostro destino. I 3 sono accessibili dal Laguna de la Nava, sebbene i primi due abbiano altre strade di accesso.

Il percorso

Per intraprendere questo percorso andiamo nella città di Ship's Nava, a circa 10 chilometri da Barco. Alla periferia della città, c'è un parcheggio con un cartello che indica la direzione per il Laguna de la Nava. Se la tua auto è alta, puoi continuare sulla pista di cemento fino a un ponte (1,5 chilometri) dove devi lasciare l'auto, poiché da lì i veicoli sono vietati. In quest'ultimo punto i posti sono limitati, circa 6, sebbene quasi nessuno li usi.


Corral del Diablo - Gredos

Iniziamo la salita dopo aver attraversato il ponte presieduto su una strada sterrata abbastanza ampia, che dopo 10 minuti diventa monotona. Non scoraggiarti, 5 minuti dopo, a porta verde e inizierà il vero cammino. La strada inizia allagata in quanto viene utilizzata da molti corsi d'acqua che terminano nel Gola della Nava, il che rende obbligatorio indossare stivali isolati.

Dopo il momento trascorso dall'acqua, arriveremo all'ingresso della gola, passando precedentemente 2 rifugi di montagna, aperto e senza protezione. Attraverseremo il corso principale e, una volta fatto, cammineremo sul lato sinistro fino a raggiungere le pendici del Laguna de la Nava un'ora dopo.


Gola della Nava

L'inizio del Gola della Nava è preceduto da a Vergine tenuto nella cavità di una grande roccia e proprio dietro di essa, una cascata infinita che sembra infinita. Questo posto è talvolta usato per esercitarsi canyoning, sebbene personalmente non siano di prima classe.

Nel nostro caso, l'onda polare che ha portato la neve ha iniziato ad essere evidente. il ghiaccio copre molte rocce e talvolta la stessa strada. Dobbiamo prestare attenzione da queste parti, dato che un passo falso e finiamo nella parte inferiore della gola. In effetti abbiamo visto persone che hanno persino scelto di indossare i ramponi e credermi che non è una cattiva opzione, anche se dovremmo toglierli 5 minuti dopo.

Dopo diverse passeggiate sul ghiaccio, arriveremo a una spianata dove convergono numerosi corsi d'acqua e una moltitudine di cascate, principalmente alla base del nudo. Questo indica che la laguna è molto vicina.


Gola della Nava

Seguiamo il sentiero e raggiungeremo un muro di pietre schiacciate l'una sull'altra. Questo impedisce alla laguna di traboccare, ma quello che fa oggi è sporcare la cartolina del Corral del Diablo. Almeno questo muro è utilizzato per il campeggio, grazie alla sua larghezza e alle sue viste eccellenti con la laguna di Nava congelata al 100%.


Laguna de la Nava

L'immagine sopra mostra il nostro destino, il Corral del Diablo con i suoi 2366 metri di altezza, con la laguna ai suoi piedi circa 1960 m. Attaccarlo dalla parte anteriore è complicato, quindi opta per il lato sinistro per la sua ascensione, molto più morbido, ma a sua volta più lungo. Questo percorso viene utilizzato anche per raggiungere il Laguna de los Caballeros (all'inizio).

Passiamo un piccolo rifugio in rovina a soli 150 metri dalla laguna e proseguiamo dritto verso un ruscello che proviene dalla nostra parte sinistra. Non è necessario attraversarlo, ma se ci guidate per 10 minuti, ma non di più, poiché finiremmo per scendere dalla montagna verso l'altra laguna.


Salita al Corral del Diablo

A metà strada, giriamo di 90 gradi sul lato destro e iniziamo la tappa finale della nostra ascensione. il Corral del Diablo non si vede, ma a poco a poco ci atterremo alla sua sporgenza, e da questo non decolleremo alla sua cima.


Salita al Corral del Diablo

Quest'area è solitamente punita da forti venti, facilmente prevedibili poiché non esiste altra montagna oltre il nastro. La sua salita è lunga e stanca, ancora di più quando la neve è morbida e ogni passo che facciamo, richiede il doppio dello sforzo. Se siamo curiosi, il dolore può essere placato godendo della vista del Covacha alla nostra sinistra.


Top of Corral del Diablo - Gredos

E finalmente raggiungiamo il suo picco, con un vento devastante che le fotografie non possono mostrare. Secondo il tempo, i venti hanno raggiunto 80 km / h e una sensazione termica di 12 gradi sotto zero circa 2200 metri di altezza ed eravamo a 2366 metris. I vestiti che ci ha dato Ternua Si è comportata come una campionessa.

Ho dovuto scendere, ma l'idea di tornare dalla stessa strada non mi è entrata nella testa. Scegliamo di andare verso Mosquito Peak e cammina il Corda ad alto rischio.


In direzione del picco di zanzara

Da lontano sembrava complicato, ma quando ci siamo avvicinati, la sua complessità è scomparsa e abbiamo rapidamente raggiunto la sua cima di 2249 metri. Peccato che da qui non abbiamo potuto vedere il Boat Lagoon.


Pico del Mosquito - Gredos

il Corda ad alto rischio È diventata una passeggiata grazie alla sua neve dura. Altri escursionisti giorni fa non si sono divertiti allo stesso modo, in base alle loro impronte profonde sulla neve. Senza racchette questa parte è da dimenticare‚Ķ


Corda ad alto rischio

A poco a poco ne passeremo certi pietre miliari che indicava i punti più alti della corda, alcuni forniti da piccoli bivacchi Dove possiamo fermarci. Vedremo anche le partenze di numerosi corridori Sono nati dalla stessa gola.


Corda ad alto rischio

Alla fine la neve scomparirà dai nostri piedi fino a raggiungere la fine della corda con un grande traguardo. Se continuiamo dritto arriveremo sulla corsia preferenziale per il porta verde che segna l'inizio del pista sterrata. Secondo me è più lento, dato che dobbiamo aggirare numerosi piornos. Se scendiamo alla nostra destra, dove si può vedere un rifugio in pietra, finiremo finalmente nella gola della gola proprio all'altezza del secondo rifugio. Un modo molto più comodo e comunque ... pieno di capre e capriolo.

E finora è stato tutto. gredos Ci aspetta di nuovo a breve.


Corral del Diablo

Dati pratici

Quando andare

Personalmente penso che sia una montagna da visitare in qualsiasi momento dell'anno. Forse l'inverno è quando lo troviamo in tutto il suo splendore, ma non è adatto a tutti i tipi di pubblico a causa della sua lunghezza e che durante l'inverno abbiamo meno ore di luce.

Come arrivare

da Barca di Avila devi prendere la deviazione per Ship's Nava. Una volta nel villaggio, segui la strada in direzione sud e vedrai un piccolo parcheggio Con una mappa della zona. Puoi lasciare l'auto proprio qui, o poco dopo all'altezza di un ponte.

Cosa indossare

In inverno è essenziale indossare ramponi e piccozza da ghiaccioe, naturalmente, sanno come usarli. L'acqua è lì fino in fondo, oltre ad essere ben segnalata in cima al Collado del Diablo. Una volta in cima, dobbiamo avere una buona guida se vogliamo tornare indietro per il Mosquito Peak.

Ringraziamenti

la Manuel Álvarez Lago per servire come modello nella maggior parte delle foto 😀

Pin
Send
Share
Send
Send