Viaggio

Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

Pin
Send
Share
Send
Send


Se comincio a pensare al numero di volte in cui abbiamo fatto un percorso circolare attraverso di esso vista In Gredos, onestamente, non sono riuscito a calcolare il numero esatto. È un classico delSierra de Gredos, ancor più sapendo che è attaccato all'imponente Galayos, quegli imponenti aghi rocciosi che incantano ogni anno centinaia di alpinisti. La sua ascensione è semplice, di poca difficoltà e tutto ciò che serve è avere un background fisico. Tuttavia, in inverno le cose cambiano ed è necessario utilizzare determinati materiali per raggiungere il suo picco con le massime garanzie.

Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

La Mira è un picco di 2343m che può essere scalato da numerosi pendii come il Piattaforma Gredos, Guisando o Candeleda. Oggi vi diremo il percorso che attraversa il Puerto del Peón iniziando a metà strada tra Hoyos del Espino e il Piattaforma Gredos, poco prima del controllo del pagamento di quest'ultimo punto. Questo posto, nonostante la sua fama, non è molto popolare per scalare la Mira poiché la maggior parte degli alpinisti solleva la piattaforma per fare altre vette.


Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

Se lo facciamo in estate, può essere un po 'difficile a causa del forte calore che fa durante il giorno. Tuttavia, tutte le rotte contengono numerosi punti in cui possono trovare acqua, come piccoli laghi e corsi d'acqua, in particolare sulle loro pendici settentrionali. Inoltre il suo versante meridionale è costituito da un rifugio di montagna chiamato vittoria con 14 posti a sedere e situato quasi a 2000m di altitudine.

In inverno le cose cambiano ed è necessario portare con noi sia piccozza che ramponi. La Mira si blocca sempre dopo 2100m ed è quasi impossibile andare avanti senza questo tipo di materiale a meno che il tuo sport preferito sia giocare al collo.

Rotta verso la Mira attraverso il porto di Peón

Il percorso che stiamo raccontando oggi è quasi tutto circolare e molto poco monotono, godendo praticamente di tutte le pendici della Mira e camminando attraverso paesaggi molto poco frequentati, soprattutto in inverno. Questa parte da un piccolo parcheggio con una fermata dell'autobus in disuso prima del controllo della piattaforma Gredos a Hoyos del Espino. In effetti è circa 300 metri circa e ha una capacità di circa 10/12 auto. Ecco una strada sterrata e un cartello che indica il percorso per il porto di Peón, un passo che ci porterebbe alle città di Arenal e el Hornillo.

Quindi prendiamo questa strada sterrata dopo aver superato una staccionata di legno e da qui possiamo vedere le montagne innevate e alla fine dell'intera gonna della Mira.


Rotta verso la Mira attraverso il porto di Peón

Questa parte della strada è davvero monotona, percorrendo poco più di 2 chilometri lungo una larga strada sterrata che i veicoli 4 × 4 potrebbero circolare perfettamente. Successivamente diventa una strada, ma il paesaggio non cambia quasi anche se viene chiamato Gola di Covacha. Continuiamo con un ruscello alla nostra franco destra che ci accompagnerà fino a quando non inizieremo la salita al porto di Peón.


Rotta verso la Mira attraverso il porto di Peón

Dopo oltre 5 chilometri percorsi e ad un'altitudine di circa 2000 m raggiungiamo la cima del porto e iniziamo a toccare la neve. Fino ad ora avevamo trovato solo ghiaccio, strano in questo periodo dell'anno in cui la neve dovrebbe essere alta 1800 metri.


Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

Dal porto prendiamo la strada alla nostra destra, salendo una cresta rocciosa e trascurando il Burrone Robledillo Molto carina Se fossero più carichi di neve il percorso lungo questo pendio potrebbe essere davvero spettacolare.

Curiosamente dalla cima del porto del pegno abbiamo dovuto indossare i ramponi poiché la strada che dovevamo percorrere era coperta di neve e, a sua volta, completamente ghiacciata. Una vera pista di pattinaggio.


Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

Dopo aver raggiunto i 2050 m abbiamo dovuto scendere seguendo il percorso di un torrente che scorre molto vicino alla Laguna del Cura. Abbiamo ricominciato a salire e la pendenza, sebbene non molto impegnativa, ci ha resi estremamente attenti perché si gelava completamente e una caduta poteva portarci diverse centinaia di metri sotto.


Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

Una volta superata questa sezione, abbiamo potuto vedere la cima della Mira sullo sfondo e completamente bianca. Ora è il momento di camminare lungo un dolce pendio fino a raggiungere il rifugio abbandonato di il Pelao, praticamente senza tetto.


Rotta verso la Mira attraverso il porto di Peón

Da qui basterebbe proseguire in linea retta fino alla cima della Mira, anche se prima ci fermeremmo a goderci la vista panoramica della Gredos Circus con l'Almanzor che lo presiede. Peccato che ci sia così poca neve in un anno con pochissime precipitazioni praticamente in tutto il paese. Cose del cambiamento climatico.


Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

E finalmente raggiungiamo il suo picco, dopo aver salito una serie di gradini posizionati è una spezia della torre. Da qui i panorami sono magnifici e possiamo praticamente vedere tutti i Galayos, le montagne di Toledo, il Circo de Gredos, la Sierra de Bejar e la Sierra de Guadarrama.


Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

Era tempo di voltarsi e cercare un'alternativa per non tornare allo stesso modo. All'inizio abbiamo preso lo stesso sentiero, passando di nuovo attraverso il Rifugio Pelaos, ma dopo 300 metri abbiamo deciso di scendere lungo la nostra sinistra verso Gola dei Conventi, un posto davvero bellissimo e dove ci sono piscine spettacolari.


Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

La cosa brutta di andare quaggiù è che è molto orientato verso nord e tutto è praticamente congelato, come una roccia. Un passo falso e arrivederci. Non lo consiglio se non ti senti a tuo agio con i ramponi. Naturalmente, andare qui ti dà il vantaggio di passare attraverso una rete di cascate ghiacciate di grande bellezza.


Rotta verso la Mira attraverso il porto di Peón

Dopo quasi 15 chilometri di viaggio, lasciando il torrente che scende dal Gola dei Conventi Alla nostra destra, svolteremo bruscamente alla nostra sinistra a 1700 metri di altezza (N40 ° 17.338 'W5 ° 10.837') per prendere una buona scorciatoia, seguendo alcuni canali che sono stati costruiti per deviare parte del letto del fiume.


Rotta verso la Mira attraverso il porto di Peón

Saliremo su una piccola collina e attraverseremo due volte il canale d'acqua fino a raggiungere la cima della collina e vedremo sotto un allevamento di bestiame molto vicino alla strada sterrata che prendiamo all'inizio del percorso e, di conseguenza, molto vicino a Dove lasciamo il nostro veicolo.

Dati pratici Percorso circolare attraverso la Mira de Gredos

Quando andare

Può essere fatto tutto l'anno, ma quando nevica lo consiglio solo a alpinisti esperti.

Come arrivare

Dalla città di Fori del Biancospino prendiamo la deviazione che indica "Gredos Platform", facilmente visibile poiché proprio accanto c'è una statua con una capra di montagna. A metà strada vedremo una fermata dell'autobus coperta dove ci sono diversi parcheggi sul terreno. Qui lasceremo la macchina. Questo posto è a 300 metri prima del controllo della piattaforma.

Cosa indossare

Essendo un percorso invernale, dobbiamo prendere le nostre piccozze, i ramponi e l'elmetto data l'inclinazione di molti punti, oltre ad alcuni passaggi delicati.

  • Pantaloni lunghi, camicia termica e pile
  • Cappellino e guanti
  • Primaloft, questo capo è abbastanza caldo
  • Impermeabile, Gore-Tex o terzo strato per vento o pioggia
  • Stivali lunghi e calze invernali
  • Ramponi e piccozza, la parte superiore può essere congelata
  • Torcia o frontale. il Il diamante nero per esempio è eccellente
  • Leggings se c'è neve. Ecco un buon esempio di Leggings e occhi con taglia.
  • Zaino da almeno 30 litri
  • Bastoncini da trekking
  • Mappa /GPS. Senza questo, non presentarti nemmeno. Come GPS la nostra raccomandazione è la Garmin GPSMAP 64

Dove dormire

Sulla strada non abbiamo un riparo, ma ci sono diverse aree per il bivacco. Il campeggio non è permesso, figuriamoci rifiuti ovunque. Tuttavia, se metti un negozio al crepuscolo e lo raccogli all'alba, di solito non hai problemi.

Ringraziamenti

Grazie al mio amico David per essere il modello nelle foto.

Video: Come RIPETERE QUALSIASI FORMA con Adobe Illustrator (Luglio 2020).

Pin
Send
Share
Send
Send