Viaggio

Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Pin
Send
Share
Send
Send


Per dire che l'ascensione a Kristínartindar è il miglior trekking in Islanda Punta molto in alto, ma lo troverai sicuramente in top 5 dei percorsi che puoi fare in un solo giorno. Questa meraviglia ha segnato un prima e un dopo durante il nostro viaggio in Islanda, essendo in seguito molto più esigenti nella scelta delle nostre rotte future. Pertanto, se non hai il tempo necessario per poter fare diversi trekking attraverso questa bellissima isola, Kristínartindar È una tua scelta


Kristínartindar Il miglior trekking in Islanda

Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Dopo 8 giorni di viaggio e diversi trekking alle nostre spalle, tra cui il Landmannalaugar, venne il giorno in cui avremmo dovuto "assaggiare" ciò che dovrebbe essere il miglior trekking in Islanda o uno di loro. Il luogo in cui si trova è ben noto, il Parco Nazionale Skaftafell, il luogo di residenza di una delle cascate più belle e strane in Islanda, la cascata di Svartifoss. Ospita anche la vetta più alta del paese, la Hvannadalshnúkur, più di 2000 metri di altezza e di cui non toglieremo l'immagine sull'intero percorso.

Assicurazione di viaggio

Per un viaggio come questo è meglio stipulare un'assicurazione. IATI ci offre a offrire ai follower Viaggia gratis. Viaggiare non ti esonera dall'avere un incidente, dal bisogno di un medico, di un trasferimento o di cure mediche. Non giocarci. Stipula un'assicurazione di viaggio facendo clic sul banner e avrai a 5% nella tua assicurazione per essere un lettore di Travel gratuitamente. Se vuoi maggiori informazioni clicca qui.

Salita a Kristinartindar (1125 m). Il miglior trekking in Islanda

Per cominciare, dobbiamo sapere che il percorso è 100% circolare e che la sua durezza dipenderà dallo stato del terreno. Generalmente il percorso si apre tra i mesi di giugno e settembre, quando le nevicate hanno lasciato il percorso e soprattutto la cima, un luogo che può essere abbastanza pericoloso se trovato. In effetti lo era, ma la neve era abbastanza morbida da non rappresentare un vero pericolo. Pertanto si consiglia di informare lo stato del percorso alla reception del parco nazionale di Skaftafell, soprattutto nel mese di giugno.

Il percorso inizia a meno di 100 metri di altezza, dallo stesso parcheggio che ha accesso al parco nazionale e al percorso del Cascata Svartifoss. Inoltre, durante i primi 300 metri seguiremo lo stesso percorso, fino a trovare un bivio sulla destra dopo aver salito la nostra prima pendenza. Un vero peccato, perché la strada per la cascata è ben mantenuta ed è particolarmente confortevole, cose di turismo di massa.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

D'ora in poi continueremo lungo uno stretto sentiero d'ombra i cui alberi scompariranno rapidamente per lasciare il posto a meravigliose vedute di una delle lingue del ghiacciaio Vatnajökull, il ghiacciaio più grande dell'Islanda.

Questo percorso è utilizzato anche da quelle persone che vanno al punto panoramico del ghiacciaio, tornando al parcheggio dallo stesso percorso che avevano percorso.


Ascensione al Kristinartindar

Al contrario, continuiamo il percorso fino a quando non inizia a restringere maggiormente l'account e il suo stato inizia a peggiorare, avendo uno che deve essere guidato dalle pietre miliari poste lungo il percorso.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Da questo punto in poi Kristínartindar non si vede, solo una catena montuosa molto rocciosa che termina nello stesso ghiacciaio. Sappiamo che il nostro destino è alle spalle e che ci aspettano un po 'di neve e molti sentieri scivolosi. In effetti la neve è apparsa a 700 metri di altezza su diverse nevicate non importanti.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Più sezioni neve, alcuni un po 'esposti, ci spostiamo su un paio di punti di vista. Questi sono un ottimo posto dove fermarsi lungo la strada e avere un po 'di cibo e acqua.

Il resto non è servito per analizzare il tempo e al momento la pioggia che ha segnato la parte meteorologica non sembra essere vicina all'apparizione.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Dopo i punti di vista, il percorso devia in due, uno dei quali sale dritto e un altro gira a sinistra, proprio quello che prendiamo. Fai attenzione a questo punto perché non è segnato e tutto sembra indicare che dovremmo continuare lungo l'altro percorso, ma il GPS come un buon aiuto, ci ha corretto e abbiamo seguito la strada giusta. Buff, anche quello che può essere il miglior trekking di Islanda A volte è mal contrassegnato.


Ascensione al Kristinartindar

La pendenza inizia a inclinarsi più del becco e il percorso diventa una massa di ciottoli incoerenti. In alcune sezioni dobbiamo fare attenzione e i bastoncini arrivano come un anello al dito.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Dopo aver superato una pendenza che era stata complicata da un ruscello e dal conseguente fango, abbiamo raggiunto una collina situata a 940 metri di altezza dove si era formata una buona lastra di ghiaccio. Qui stavamo per eliminare il ramponi dei nostri zaini, ma alla fine non è stato necessario. Anche così, abbiamo preso il piccozza da ghiaccio e abbiamo tenuto le canne, anche se dopo 100 metri abbiamo dovuto cambiare di nuovo gli strumenti MrGreen.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Abbiamo iniziato la salita finale e i quasi 200 metri di dislivello che ci separavano dal Kristínartindar. La strada prometteva di essere molto ripida e non adatta a persone con vertigini, in particolare la discesa. Le pietre che cadevano da qualsiasi punto sembravano essere posizionate sotto i nostri piedi per inciampare. Questo ci ha fatto solo dimenticare le viste meravigliose e mettere tutti i nostri sensi sulla strada.


Attraversa il Parco Nazionale di Skaftafell

Fino a quando finalmente l'abbiamo fatto cima nel Kristinartindar e potremmo firmare nella cassetta postale dei conquistatori. Curiosamente, eravamo il secondo gruppo che è salito quest'anno e la verità è che eravamo anche le uniche persone che sono salite quel giorno. Un vero privilegio.


Kristínartindar Il miglior trekking in Islanda

La parte superiore è piuttosto esposta e uno dei suoi lati contiene una caduta di diverse centinaia di metri. Molto occhio. Comunque da lassù possiamo spostarci di 50 metri e scattare fotografie di un'altra lingua del ghiacciaio.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

È ora di scendere e dobbiamo percorrere la stessa strada, almeno fino alla collina situata a 940 m. La discesa non è facile e cerchiamo di essere il più cauti possibile. Una volta sulla collina abbiamo dovuto scendere un pendio con molta neve e senza impronte, facendo uno sforzo extra per attraversarlo.


Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Da qui la strada diventa più facile e il sentiero non ha perso. È sufficiente andare su e giù, attraversando un passaggio occasionale con assi di legno e persino ponti. Personalmente sembrava che questa parte della strada fosse in preparazione per un altro tipo di percorso, uno dedicato al ornitologia, a causa del gran numero di uccelli che nidificano in questa zona.


Attraversa il Parco Nazionale di Skaftafell

Iniziamo a lasciare il Kristinartindar alle spalle e vediamo sullo sfondo una grande caduta in cui viene creato un grande deserto di sabbia creato dal ritiro del ghiacciaio Vatnajökull. Semplicemente dal film.


Kristínartindar

Dopo alcuni chilometri arriveremo ad un punto di vista vicino a un incrocio. Questo indica già il parcheggio dove abbiamo lasciato l'auto e avverte anche di una deviazione alternativa che attraversa la famosa cascata di Svartifoss, che logicamente prendiamo.


Svartifoss

Siamo arrivati ‚Äč‚Äčalla cascata abbastanza tardi ed è stato davvero un buon momento perché era praticamente vuoto, senza persone. Qui facciamo il nostro ultimo respiro e cogliamo l'occasione per bere acqua, acqua degli dei. Una volta tornati sulla strada, abbiamo dovuto camminare solo altri 15 minuti per raggiungere il parcheggio e finire il percorso. Una gioia.

Dati pratici Kristínartindar. Il miglior trekking in Islanda

Quando andare

È un lungo percorso di circa 7 ore ed è aperto solo da giugno a fine settembre. A causa della sua situazione, è consigliabile non andare troppo presto a causa dell'orientamento del sole.

Come arrivare

Per arrivarci, basta andare all'ingresso del Parco Nazionale Skaftafell e parcheggiare nel parcheggio di accesso alla cascata di Svartifoss.

Cosa indossare

Il percorso è molto fresco e richiede tempo caldo, con frangivento e goretex richiesto. In alcuni casi sono necessari l'ascia di ghiaccio e i ramponi, quindi è consigliabile scoprire lo stato del percorso dall'ufficio informazioni situato nel parcheggio. Inoltre, per la maggior parte non c'è acqua.

Il percorso è difficile?

Non è un passaggio e richiede uno stato accettabile. Per coloro che soffrono di vertigini o problemi di equilibrio non è consigliabile.

Dove dormire

L'Islanda è un paese con un'offerta alberghiera molto bassa e quindi molto costosa. Non variare vicino Skaftafell Non c'è molto quindi i consigli si basano sugli hotel più vicini al percorso.

  • Hotel Skaftafell: hotel di grande capacità utilizzato principalmente da grandi gruppi.
  • Hotel Hof 1: hotel confortevole con SPA, ristorante e wifi nelle camere.

Pin
Send
Share
Send
Send